La leggenda della “M”